Cronacaprimo piano

Droga e armi: due arresti a Cassano

Due distinte operazioni dei Carabinieri della Stazione di Cassano delle Murge hanno portato all’arresto di altrettante persone ed al sequestro di una pistola con munizioni e diverse decine di piante di marijuana ed altra erba già essiccata e pronta per essere immessa sul mercato.

Pluripregiudicato con una pistola carica.

Gli uomini al comando del Maresciallo Ugo Coppola, nei giorni scorsi, hanno così fatto irruzione in una abitazione alla estrema periferia di Cassano, dove viveva un 50enne barese, da qualche tempo residente in paese; l’uomo risulta essere un pluripregiudicato, già noto alle forze dell’ordine. Nella villetta custodiva una “Beretta” pronta a sparare, con colpo in canna e diverse munizioni. Il 50enne pare non abbia saputo giustificare la presenza dell’arma in casa, fatto tra l’altro a lui proibito essendo, appunto, già stato condannato dalla giustizia. Per il barese si sono aperte le porte del carcere di Bari.

Decine e decine di piante di marijuana.

La seconda operazione dei Carabinieri è scattata in un condominio su via Colamonico, a due passi dal centro cittadino: i militari si sono  trovati dinanzi ad una vera e propria piantagione di marijuana disposta sul terrazzo all’ultimo piano dello stabile, visibile già dalla strada. Decine e decine vasi di oltre un metro e mezzo di lunghezza con piante alte, in piena fioritura, ben curate e pronte per far fruttare al proprietario dell’appartamento e suo unico occupante, una somma di denaro considerevole, dato il quantitativo atteso dal raccolto.  L’uomo, un 50enne incensurato, di professione ingegnere, barese ma residente da qualche tempo a Cassano, è impiegato in una grossa ditta che installa pannelli fotovoltaici.

Attoniti i residenti in zona e nel palazzo, ignari di questa attività ed i clienti dei numerosi esercizi commerciali nelle vicinanze che hanno potuto assistere in pieno giorno al il via-vai dei militari che hanno portato via le piante con l’aiuto di un furgone ma non senza sforzi dato il peso delle stesse. Pare comunque, ma non conferma da parte delle forze dell’ordine, che in casa sia stata sequestrata anche un considerevole quantità di marijuana già essiccata e pronta presumibilmente per essere immessa sul mercato, emersa dopo la perquisizione dell’appartamento da parte dei militari.

L’uomo è stato arrestato e condotto presso il carcere di Bari a disposizione dell’autorità giudiziaria mentre le indagini da parte dei Carabinieri proseguono per capire innanzitutto quantità e qualità del prodotto sequestrato e quanto avrebbe potuto fruttare una volta smerciato. Il secondo filone di indagine è proprio questo: atteso che non può trattarsi di uso personale, data la quantità dell’erba prodotta ed essiccata, c’è da capire dove eventualmente l’ingegnere con il vizio del fumo aveva intenzione di vendere o comunque distribuire la marijuana prodotta e su quali eventuali complicità poteva contare sia in paese che fuori.

Foto di archivio

2 pensieri riguardo “Droga e armi: due arresti a Cassano

  • Lillino

    Cara Cassano, un tempo eri Cassanese! ora sei baresaccia!

    Ce né ancora di roba baresaccia in giro a cui mettere anelli ai polsi.
    Chi cerca, trova!!!

    Rispondi
  • Mondo ....... alla rovescia

    Sempre nell’ambito baresacci qui a Cassano. Hanno buste paga da operai di 1200 euro, prima a nero perché RDT alla faccia del movimento 5 stelle. Mogli casalinghe. Assunti in pseudo aziende SRL. Beh, questi soggetti possiedono SUV all’ultimo grido (anno di immatricolazione correnti) da 50 mila euro. Io cassanese mi chiedo: dov’è il trucco, giusto per capire perché vorrei fare lo stesso. E la nostra zona industriale che fa le uova d’oro???

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *